John SCHWATSCHKE è un ritrattista nato in Irlanda (Dublino, 1943) da genitori Austro-Irlandesi. La sua principale ambizione fu di diventare un concertista di piano e compositore, e si esibì in tre concerti per piano di opere classiche e di sue composizioni, a Waterford, Vevey e Tours. Comunque, lasciata la scuola, dopo aver dipinto il ritratto del Presidente De Valera quale Rettore della National University, poichè erano molto amici, il Presidente lo persuase a “fare una cosa, e farla bene” e gli suggerì di dedicarsi all’arte. Schwatschke accettò il consiglio e continuò a migliorare la sua tecnica di pittore meticolosamente.

La sua carriera di pittore fu secondaria al suo studio principale di architettura e alle seguenti posizioni nel Medio Oriente dove lavorò per il banchiere del Re come Project Manager per la progettazione di grandi costruzioni. Comunque, mantenne uno studio in Provenza (1970-79) dove fu vicino di Pablo Picasso a Mougins, e dove avrebbe dovuto essere in seguito costruito il Museo Schwatschke a beneficio del villaggio di Valbonne. Tuttavia, le restrizioni economiche del Governo impedirono la realizzazione del progetto e il Museo venne invece costruito in Irlanda, a Carlow, vicino alla casa dell’artista. Il museo venne inaugurato dall’Ambasciatore Austriaco nel 1976 e chiuso nel 1994.

L’artista ritornò in Irlanda per accudire i suoi genitori anziani nei loro ultimi anni di vita e nel 1996 si mise a dipingere a tempo pieno. Da allora i suoi lavori di caricatura divennero molto popolari sul mercato dell’arte raffinata Irlandese e Londinese. Nella sua carriera di ritrattista accademico, l’artista venne sostenuto dal Presidente Irlandese De Valera, Ingrid Bergman, Cyril Cusack, Noel Purcel, il Principe Filippo (il del 1979), gli arcivescovi di Dublino Simms e McAdoo, Robert Mitchum, Lunias Czechowska (modella di Modigliani) e molti altri in Europa e negli USA.

Ad oggi l’artista ha prodotto 1800 tra dipinti e sculture di bronzo, tutti registrati negli archivi del Museo Schwatschke.

Pubblicazioni: “Intervista con l’artista” Z.Medlow. 1994
“SCHWATSCHKE, Biografia e Catalogo Ragionato dei primi 1000 lavori” Mary Robertson, Minerva Press Londra/Washington

Citazione: A G Rothenburg, New York: “Non c’è dubbio che l’artista abbia fatto del suo lavoro un prodotto finito, specialmente nella serie di caricature. In analisi finale può essere totalmente e apertamente sottoposto alla critica e la globalità dei suoi lavori sono da considerarsi parte del mercato internazionale di arte raffinata. Speciale è nei suoi ritratti, la scelta del soggetto e la descrizione dei sentimenti dei suoi soggetti. Ogni suo ritratto prova il coinvolgimento personale della mano dell’artista ed è un autografo del suo carattere e del suo spirito. “